Vai al contenuto principale

“Bitcoin e Blockchain. Conosciamoli meglio” è l’iniziativa in programma venerdì 29 marzo 2019, alle ore 15, a Perugia, alla Sala dei Notari: si pone l’obiettivo di spiegare questo universo tecnologico in rapida espansione, con tutte le conseguenze positive ma anche i possibili rischi, in particolare sul fronte della sicurezza.

E’ organizzata dall’Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Matematica e Informatica e dal Nodo perugino del Cyber Security National Lab, nell’ambito del progetto di ricerca “Agrichain”.

Si tratta di un evento divulgativo per spiegare ai cittadini come funziona Blockchain, ovvero la tecnologia che sta alla base dei Bitcoin, e quali nuove frontiere si aprono grazie al suo uso nei più diversi settori, dall’agricoltura all’ingegneria fino alla finanza.

La Blockchain è una catena di informazioni partizionate in blocchi, collegati tra loro e resi sicuri mediante l'uso della crittografia. Si tratta, insomma, di un registro aperto e distribuito, che può registrare le transazioni tra due parti in modo efficiente, verificabile e permanente. Una volta immagazzinati, infatti, i dati scritti in un blocco non possono poi essere alterati senza modificare tutti i blocchi successivi: poiché per effettuare tale modifica sarebbe necessario il consenso della maggioranza della rete, ogni cambio risulta praticamente impossibile. 

Molte sono le applicazioni usate quotidianamente dai cittadini che impiegano questa tecnologia.

Durante il workshop, un panel di esperti spiegherà il funzionamento della tecnologia Blockchain, a partire da una delle sue applicazioni più conosciute, i Bitcoin, e amplierà il panorama mostrandone gli impieghi in vari settori, da quello economico-finanziario all’ingegneria, fino alle numerose opportunità di ulteriori sviluppi persino in ambiti apparentemente lontani quali l’agricoltura o la catena distributiva: in pratica, ovunque sia necessaria una infrastruttura per lo sviluppo di applicazioni con caratteristiche di decentralizzazione, trasparenza, sicurezza e immutabilità.

L’incontro di venerdì 29 marzo è il primo dei due eventi pubblici divulgativi previsti da “AgriChain: utilizzo di tecnologie block-chain per il controllo della filiera dei prodotti agro-alimentari e la prevenzione di frodi commerciali”, un innovativo progetto di ricerca sviluppato da tre dipartimenti dell’Università degli Studi di Perugia (Matematica e Informatica, Ingegneria, Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali in collaborazione con il “3A Parco Tecnologico Agroalimentare dell'Umbria”, patrocinato dal Comune di Perugia e realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa Risparmio Perugia.

poster bitcoin definitivo 1

Vai a inizio pagina
Sommario