Il gruppo di ricerca coordinato dal Professore Federico Rossi è risultato vincitore del Best Paper Award al 6th World Congress on Mechanical, Chemical, and Material Engineering (MCM’20) con l’articolo intitolato: “Chemical Inhibitors As Potential Allied For CO2 Replacement Strategies in Natural Gas Hydrate Reservoirs: Sodium Chloride Case Study”. 

E’ stato presentato dal giovane Dottore di ricerca Alberto Maria Gambelli, primo autore e corresponding author per l’articolo: Fra i co-autori i ricercatori Mirko Filipponi e Beatrice Castellani e i professori Andrea Nicolini e Federico Rossi, quest’ultimo capofila del Progetto PRIN che ha supportato la ricerca. 

 

rossi e gambelli 2

(Il Prof. Rossi e il Dott. Gambelli)

 

Il risultato rappresenta un nuovo positivo segnale della rinnovata e forte attenzione che la governance dell’Università degli Studi di Perugia, guidata dal Magnifico Rettore Prof. Maurizio Oliviero, riserva all’attività di ricerca ed in particolare a quella che coinvolge giovani studiosi. 

Il lavoro premiato verte sugli idrati di gas naturale e, in particolare, sulla possibilità di sfruttare le caratteristiche fisico-chimiche del cloruro di sodio per massimizzare il rendimento di scambio tra il metano contenuto in questi composti e l’anidride carbonica, che si intende invece intrappolare in forma solida. L’obiettivo è quello di rendere appetibile e conveniente una risorsa energetica pulita e pressoché illimitata (se confrontata con le altre fonti convenzionali), che faccia da traghettatrice fino al raggiungimento di un contesto energetico dominato esclusivamente dalle fonti rinnovabili. 

Il riconoscimento giunge a pochi giorni di distanza dal conferimento del “Premio Alfano” per il miglior articolo presentato al Congresso Nazionale ATI 2020, inerente i temi della Fisica Tecnica.  

La nomina e l’articolo sono disponibili all’indirizzo link: https://cpeconference.com/past-events/#Awards