Carissime e carissimi,

oggi la comunità accademica dell’Università degli Studi di Perugia si stringe nel ricordo delle vittime del Covid. Esattamente un anno fa, infatti, il 18 marzo 2020, il nostro Paese affrontava il suo giorno più nero: 2.978 persone perdevano la loro vita a causa del Coronavirus.

Abbiamo da allora dovuto affrontare molte sfide, come individui e come comunità. Da ognuna di queste abbiamo imparato qualcosa, riscoprendoci più umani, più coraggiosi, più orgogliosi, più determinati nel voler prenderci cura gli uni degli altri. Anche all’interno della comunità accademica abbiamo subito delle tragiche perdite. Di queste persone, con cui abbiamo condiviso tanto, dobbiamo serbare il ricordo, unitamente ai preziosi insegnamenti da loro ricevuti. Per farlo, dobbiamo sempre tenere a mente il valore della memoria, nostra Maestra di vita per eccellenza.

Ne usciremo. Grazie alle campagne vaccinali e ai nostri sforzi, individuali e collettivi. Conserveremo però per sempre nel cuore la memoria di questo difficile periodo, che ci servirà per costruire un mondo migliore.

Grazie per tutto ciò che state facendo, per voi stessi, per le vostre famiglie e per la nostra comunità.

Con stima e gratitudine,

Il Rettore

(Prof. Maurizio Oliviero)