Verrà consegnato anche il premio internazionale intitolato al Prof. Giuliano Crifò 

Il Centro Universitario organizza, in collaborazione con l'Associazione Storico-Giuridica Costantiniana, il XXV Convegno Internazionale che avrà come tema "La costruzione del testo giuridico tardoantico. Culture, linguaggi, percorsi argomentativi e stilistici". 

Le sedute si terranno a Spello dal 23 al 25 settembre 2021, nella Sala del Rescritto dell’Antico Palazzo Civico, in piazza della Repubblica, sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e con il patrocinio della Regione Umbria e del Comune di Spello. 

I lavori prenderanno il via giovedì 23 settembre, alle ore 15.30, con gli indirizzi di saluto delle autorità e gli interventi di Andrea Lovato (Bari) - Le ragioni di un Convegno; Jean-Michel Carrié (Paris EHESS) - Registres énonciatifs de la loi impériale tardive: performatif/constatif; Dario Mantovani (Pavia) - Presenze della giurisprudenza classica nella tarda antichità: il progetto Redhis; Salvatore Puliatti (Parma) - Presenza della giurisprudenza classica nelle costituzioni imperiali I; Luigi Pellecchi (Pavia) - Presenza della giurisprudenza classica nelle costituzioni imperiali II. 

“A chiusura della seduta mattutina di venerdì 24 – spiega la Professoressa Marialuisa Navarra, Direttore del Centro di Ricerca d'Ateneo ‘Accademia Romanistica Costantiniana’ – avrà luogo la cerimonia di consegna del Premio Internazionale "Giuliano Crifò" per la migliore tesi di dottorato in tema di diritto romano e storia romana del tardo impero di cui sono risultati vincitori per l'anno 2019 Alexandra Pierré-Caps e per l'anno 2020 Peter Riedlberger. 

Le giornate congressuali saranno, come di consueto, precedute da un'altra iniziativa, destinata a giovani studiosi, "I Seminari Giuliano Crifò", giunti al II ciclo, in programma nelle giornate di mercoledì 22 e giovedì 23 settembre 2021. 

Qui la locandina dell'evento.

Qui il programma completo dell'evento.

 

ac xxv esec 33x70 2021 page 0001