Parte dall’Umbria, regione dall’ “invecchiamento di successo”, e in particolare dall’Ateneo di Perugia, il progetto PROS.IT che punta a sviluppare una corretta nutrizione con benefici effetti sulla salute.

La Sala Dessau di Palazzo Murena, sede del Rettorato, ha ospitato il secondo workshop dedicato al progetto PROS.IT, che è inserito nel gruppo (il cosiddetto cluster) Agrifood Nazionale presente all’Expo di Milano.

 “L’Università di Perugia sta lavorando con impegno e qualità alle iniziative di Expo 2015 con un programma, Coltura/Cultura, all’interno del quale si cala PROS.IT. Con tale progetto i nostri scienziati e ricercatori stanno lavorando per studiare percorsi in campo nutrizionale che abbiano effetti benefici sulla salute delle persone”, ha detto il Rettore Franco Moriconi che ha portato il saluto ai partecipanti.

“Un’iniziativa che è in linea con lo spirito e l’ambizione di Expo – ha sottolineato l’On. Senatrice Linda Lanzillotta, Vice-Presidente del Senato della Repubblica e responsabile dell'iniziativa "Woman for EXPO" -, che mira a costruire, nel settore della nutrizione, un orizzonte di ricerca, di sviluppo tecnologico che punti alla qualità e alla sostenibilità del pianeta. Tutte le iniziative che la Regione Umbria ha sviluppato per Expo, di cui questo cluster è un punto significativo, vanno esattamente in questa linea”.

Sono intervenuti, inoltre, Aurelio Forcignanò, direttore generale di Confindustria Umbria, e Benedetto Natalini, direttore del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, il professor Francesco Tei, delegato del Rettore per EXPO 2015 che ha illustrato le iniziative dell’Ateneo per la kermesse internazionale milanese, Ciro Becchetti, Direzione regionale Risorsa Umbria, il professor David Ranucci, delegato del Rettore all'Alta Formazione.

“L’Umbria recita un ruolo importante per la ricerca scientifica sul fronte della produzione alimentare e della salute e la giornata odierna è stato progettata proprio per far acquisire più visibilità al Cluster Agrifood nazionale e ai suoi progetti di ricerca, in particolare a PROS.IT, dell’Università di Perugia, finanziato dal Miur, che guarda proprio alla nutrizione e alla salute – ha rilevato il professor Francesco Galli, del Dipartimento di Scienze  Farmaceutiche perugino, che ha coordinato la sessione del mattino -. Con PROS.IT stiamo facendo fondamentalmente ricerca su alcuni settori alimentari: quello delle produzioni primarie, dei cereali, dell’olio d’oliva, proprio per l’impatto che questi alimenti, hanno sulla salute, per migliorarli  e farli essere più impattanti, in senso positivo, sulla salute umana. Una ricerca avanzata che – ha sottolineato ancora Galli – affonda  le radici in Umbria, dove è presente un’ ’invecchiamento di successo’ frutto degli aspetti ambientali, delle pratiche agroindustriali e agroalimentari che portano a ottimi indicatori di salute per la popolazione, al punto da poter parlare di ‘invecchiamento di successo’. Fattori ai quali si aggiunge un giusto background genetico e, soprattutto tante generazioni che hanno vissuto, in termini di stile di vita, in maniera corretta il modo mediterraneo della tradizione preindustriale”.

Nella sessione pomeridiana presieduta dal professor Maurizio Servili, del Dipartimento Scienze agrarie, si sono alternati relatori prestigiosi dell'Università di Firenze, del CRA di Roma e dell'IRCCS di Reggio Emilia. Sono stati illustrati vari aspetti riguardanti il tema del workshop: da quelli tecnologici di isolamento e analisi dei principi funzionali di oliva e olio d'oliva, alle loro proprietà biochimiche e nutrizionali, agli effetti sui processi di invecchiamento e malattia con particolare riferimento alla patologia tumorale. Gli effetti sui processi di invecchiamento sono stati ampiamente studiati dal gruppo del prof. Servili in collaborazione con altri ricercatori dell’Ateneo di Perugia, come la dottoressa Patrizia Rosignoli. La dottoressa Marta Piroddi, ricercatore PROS.IT, ha tenuto una lettura sulle vitamine liposolubili nell'oliva e nell'olio d'oliva. Il pomeriggio si è concluso con una Lettura Magistrale del prof. Helmut Sies dal titolo “Oxidative stress”.

Galli e Lanzillotta Galli e Lanzillotta